DALLA COSTA ABBRACCIA I “VALORI DELLO SPORT” CON LE “STELLE” WIERER, PATERNOSTER, DALLAPÈ, SYLLA, GIUGLIANO E PILATO ASPETTANDO EUROPEI, MONDIALI E SOPRATTUTTO… LE OLIMPIADI DI TOKYO!

Dalla Costa ha coinvolto alcune tra le più importanti atlete del panorama sportivo italiano in un progetto che punta sui “valori dello sport”. La rosa è composta da 6 atlete: Dorothea Wierer, Francesca Dallapè, Letizia Paternoster, Miriam Sylla e le giovanissime Manuela Giugliano, e Benedetta Pilato. Ognuna di esse si è distinta nella propria disciplina ottenendo risultati ad altissimi livelli grazie alle loro qualità fisiche e tecniche ma soprattutto umane e morali. Impegno e talento infine hanno accompagnato le atlete ai loro migliori risultati, fatti di medaglie, podi e riconoscimenti personali e di squadra.

Dorothea Wierer (in foto)

Che la carriera dell’atleta altoatesina potesse essere di grande successo lo si era capito quando esordì solamente diciasettenne con la nazionale italiana di biathlon, ma del fatto che sia una campionessa della sua disciplina lo possiamo capire dando una rapida occhiata al suo palmares: due coppe del mondo di biathlon, tre volte campionessa mondiale (10 medaglie totali) oltre a due medaglie di bronzo alle Olimpiadi del 2014 e del 2018 e un argento ai campionati europei del 2011. A febbraio 2020 è diventata la prima donna a difendere il titolo mondiale dopo 18 anni. La nuova stagione sportiva vedrà l’atleta azzurra partecipare alla Coppa del Mondo di Biathlon (dal 27 Novembre al 21 Marzo) e ai Mondiali di Biathlon (dal 11 al 21 febbraio 2021).

Francesca Dallapè

Campionessa italiana di tuffi nelle specialità 3m e sincro 3m. Proprio in quest’ultima specialità ha fatto per più di un decennio coppia con Tania Cagnotto, con la quale ha formato una delle coppie più vincenti di sempre, conquistando, tra gli altri, 8 ori consecutivi a livello europeo, due agenti Mondiali nel 2009 e nel 2013 e la medaglia d’argento alle Olimpiadi di Rio del 2016. È divenuta mamma della piccola Ludovica nel 2017.

Letizia Paternoster

Giovane stella del ciclismo italiano sia su pista che su strada, nella sua bacheca possiamo già trovare molte medaglie, tra le quali spiccano per importanza i due argenti nella specialità Omnium ai campionati del mondo 2019 e 2020 e il bronzo nell’Americana sempre nell’anno corrente. Rappresenterà l’Italia alle Olimpiadi di Tokyo.

Miriam Fatime Sylla

Brillante pallavolista attualmente in forza alla Imoco Volley Conegliano e pilastro della Nazionale Azzurra, oltre a riconoscimenti personali come i premi come miglior schiacciatrice ai mondiali del 2018 ed europei 2019, ha conquistato molti trofei di squadra tra cui Scudetto, Coppa Italia, Supercoppa e Mondiale per Club. Nella stagione appena cominciata sarà protagonista in serie A Lega Volley, Champions League, Coppa Italia, Volleyball National League, oltre a difendere il Tricolore alle prossime Olimpiadi di Tokyo.

Manuela Giugliano

Giovane promessa del calcio italiano femminile, originaria di Castelfranco Veneto e figlia d’arte, a soli 16 anni esordisce in Serie A con il Pordenone e già a 22 anni ottiene il titolo di Miglior Calciatrice Italiana (2019). Oggi è in forza all’AS Roma, oltre a giocare per la Nazionale, con la quale ha disputato oltre 40 match segnando 5 gol.

Benedetta Pilato

La giovanissima nuotatrice tarantina classe 2005, specializzata nello stile Rana, rappresenta uno dei migliori prospetti del nuoto italiano. Nell’edizione 2019 dei campionati mondiali di nuoto in Corea del Sud, a soli 14 anni, conquista subito la medaglia d’argento, divenendo la nuotatrice italiana più giovane ad esordire in un mondiale. Detiene anche il record italiano nei 50 m rana conquistato al prestigioso Trofeo Settecolli di Roma lo scorso agosto. Parteciperà ai prossimi ai campionati europei di nuoto (Budapest, 10-23 maggio 2021), ai campionati mondiali in vasca corta (Abu Dhabi, 13-18 dicembre 2021) e all’ISL (International Swimming League). Siamo sicuri che ce la metterà tutta anche per partecipare alle Olimpiadi di Tokyo 2021, magari nella specialità 100 metri.

Dorotea Wierer

SCOPRI ANCHE

2020-10-12T16:37:56+02:00